• Wednesday, 28 February 2024
L’editore inglese di IMPRIMATUR lancia video provocatorio su You Tube
22 Giu
6:55

L’editore inglese di IMPRIMATUR lancia video provocatorio su You Tube

Per inaugurare la pubblicazione di IMPRIMATUR in lingua inglese, l´editore Birlinn Ltd ha lanciato su You Tube un video di 6 minuti che celebra Monaldi & Sorti con uno stile inatteso e provocatorio: la sigla del video è una citazione dalla celebre serie tv degli anni 70 “Attenti a quei due” con Tony Curtis e Roger Moore, divertita allusione al potenziale esplosivo di Monaldi & Sorti, che ha sconquassato l´intero sistema editoriale italiano e lo ha messo in mutande di fronte al mondo. Nel resto del video scorrono le immagini dei luoghi di Roma teatro del libro mentre vengono letti brani da IMPRIMATUR fino al finale altrettanto esplosivo… ma non vogliamo guastare la sorpresa:

http://www.youtube.com/watch?v=j6hS2yL-PXU

9 Comments

    vittorio

    5 Maggio 2010 at 18:55

    trattasi di un felicissimo modo di riscrivere la ns.storia in queto modo.
    Specie indagando sui punti oscuri degli
    ultimi sassantanni.Gli autori devono con
    tinuare a riscrivre la ns.tormentata sto
    ria.

    Vito Venturini

    16 Aprile 2010 at 18:55

    Non solo è un bellissimo romanzo storico ma mi ha aperto nuovi orizzonti sulle affascinanti melodie barocche di cui è pervaso. Sono di Mantova, città che ospita annualmente un famoso festival sulla letteratura…. mi auguro che gli organizzatori abbiano prima o poi il coraggio di sfidare l’establishment editoriale invitando nel capoluogo virgiliano gli autori e dando così una sonora spallata alle assurde macchinazioni censorie di cui il capolavoro (e sottolineo capolavoro) è stato fatto oggetto in patria.

    Massimo Vitale

    29 Novembre 2009 at 18:55

    Finito di leggere stasera, è avvincente ed emozionante, sono felice di aver speso così bene i miei soldi. Sto facendo proseliti ed ho una lunga lista di amici che si sono prenotati per leggerlo. Un sincero grazie agli autori

    Pasquale Croce

    12 Dicembre 2008 at 18:55

    Rompere il muro di silenzio?
    E’ dura in questo paese, troppi poteri forti e tutti in combutta tra loro…

    Io dal mio canto ho deciso di consigliare o regalare per Natale “Imprimatur” a tutte le persone che ritengo essere in grado di apprezzarne non solo la storia con relativa documentazione ma anche il pregevole stile letterario.

    Regalate, consigliate e diffondetene la storia delle vicessitudini… forse non si abbattera’ il muro, ma almeno la notizia’ circolera` tra le persone in grado di capirne gli effetti…

    luisa pullara

    2 Dicembre 2008 at 18:55

    scrivo a nome dell’associazione culturale “il caffé” che riunisce italiani e amanti della cultura italiana a Gand (Belgio) Ho letto Imprimatur in italiano (comprato alla libreria FNAC di Gand)ed ho visto a Colonia i due volumi successivi stampati in tedesco. L’intera storia del boicottaggio mi sembra incredibile, sarei contenta se l’associazione culturale che rappresento potesse aiutare a rompere il muro di silenzio almeno dall’estero (tenete conto che coinvolgiamo comunque anche molti italiani qui residenti o in transito). Chiedo di stabilire un contatto preferibilmente con gli autori ma anche con altra persona bene informata che venisse a presentarci il(i)libro(i) qui a Gand.
    ps: non abbiamo grandi risorse ma s’intende che possiamo concordare un onorario.
    potreste darmi una mano?
    grazie anche a nome del caffeé
    Luisa Pullara

    Simone

    13 Novembre 2008 at 18:55

    Grazie anche a Pasquale per il sostegno! Fa molto bene!

    Pasquale Croce

    13 Novembre 2008 at 18:55

    Erano tanti tanti anni che un libro non mi suscitava cosi’ tante sensazioni.
    Erano tanti tanti anni che un libro non mi rapiva per notti intere.
    Ora che Atto e gli altri sono intrappolati tra le pagine di un libro letto, attendo con impazienza di rincontrarli nel prossimo… anche se, ahime’, parleranno una lingua straniera.

    Monaldi & Sorti, per la legge del contrappasso, vi auguro tutto quello che l’Italia stupidamente non vi ha dato… ma leggo che sta gia’ avvenendo.

    COMPLIMENTI!

    Simone Cardelli

    4 Novembre 2008 at 18:55

    Che meraviglia, scrivono fans addirittura dall’Argentina! Grazie Agustina

    Agustina

    25 Ottobre 2008 at 18:55

    Hola. Escribo desde Argentina, no sé casi nada de italiano; sólo tengo para decir que hoy mismo (25-10-2008) terminé de leer “Imprimatur” y el abate Melani lleva buena parte del día pateándome el cerebro, adentro de mi cabeza. La verdad es que el libro me fascinó y eso hace mucho no me ocurría, con la nueva literatura actual que deja mucho que desear. Estuve leyendo varias novelas históricas actuales y, por lo general, están mal escritas. En cambio, “Imprimatur” hizo la diferencia. Es lo mejor que leí en estos últimos 5 años. Y lo digo como escritora, porque yo también escribo, aunque no me dedico a la novela histórica.
    Todavía con el abate cantando a mis oídos, espero tener el tiempo suficiente para leer bien “Secretum, veritas, misterium, unicum”… o tendré que recurrir, como Dulcibeni, a los mágicos efectos de la mamacoca.
    Saludos!
    Agustina.-
    http://www.traumfabrik.webs.com / http://www.proyectonietzland.blogspot.com (Derechos Reservados)
    Invito a los que lean este mensaje a mis webs.
    Ahora pueden considerarme fanática de Monaldi y Sorti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.