BREAKING NEWS

Monaldi & Sorti: quando un romanzo riscrive la storia

Per gentile concessione del regista Ennio Coccia, ecco a voi il trailer del documentario-inchiesta “Monaldi & Sorti: quando un romanzo riscrive la storia” presentato il 5 ottobre 2006 in anteprima mondiale alla Fiera del Libro di Francoforte.

Tags:

FanClub

50 Comments

    Lavinia

    11 novembre 2012 at 23:58

    Ho letto Imprimatur e l’ho amato. Trovo assurdo però che alla fine i due autori abbiano deciso di non pubblicare affatto Secretum in italiano, chi ci rimette sono solo i lettori. Io ho la fortuna di poterlo leggere in altre lingue, diverse, ma proprio da amante di lingue posso dire che comunque NON è lo stesso, specie dopo aver letto il primo in italiano. Io credo che dovremmo tutti quanti scrivere agli autori, e chiedere che PER NOI il libro sia ripubblicato anche in italiano.

    Daniela

    13 marzo 2012 at 23:58

    Ciao! Ho letto da poco Imprimatur e mi sto attivando per leggere il seguito in inglese, ma davvero non è possibile avere una versione almeno per ebook degli altri in italiano ovviamente? davvero noi italiani sfigati dobbiamo perderci il gusto di leggere questi libri nella loro ricca e stupenda lingua madre utilizzata al meglio dai due autori?

    Stefano

    22 gennaio 2012 at 23:58

    IMPRIMATUR E’ BELLISSIMO! PUBBLICATE IN ITALIANO ANCHE GLI ALTRI!!!!!!

    Franco

    23 ottobre 2011 at 23:58

    Siamo ormai ad Ottobre 2011.Ho comprato Imprimatur, pubblicato in Italiano in Olanda, presso Hoepli. Possibile che ancora non sia possibile avere gli altri 2 romanzi in italiano? Speravo almeno in un’edizione ebook, ma niente! Sembra impossibile visto che ormai si pubblica di tutto.

    FRANCESCO

    12 maggio 2011 at 23:58

    NESSUN EDITORE SVIZZERO HA MAI PENSATO DI EDITARE L’OPERA DI CUI GLI AUTORI, MI PARE DI AVER LETTO, DETENGONO I DIRITTI?

    Daniele

    23 aprile 2011 at 23:58

    Posso solo unirmi ai commenti letti finora, in un accorato invito a pubblicare i vostri libri successivi a Imprimatur in italiano, pubblicati da chiunque abbia il coraggio ed il piacere di contrastare una tale ottusa classe politica, capace solo di ridicolarizzarci agli occhi del mondo.
    Grazie da chi lavora in Siberia per soddisfare al meglio le necessità della famiglia in Patria.

    Roberto

    14 febbraio 2011 at 23:58

    Salve è da un pò che vi leggo e mi sento profondamente indignato per tutta questa vicenda! Un Paese che si definisce “civile” non può censurare qualsivoglia forma d’arte!
    Mi auguro che gli autori decidano di stampare in italiano anche gli altri libri perchè, anche se siamo una minoranza, possiamo diventare molti di più!
    La conoscenza è la chiave per superare le barriere.
    Non privateci di un piacere così grande per colpa di gente ottusa e falsa.
    Non pubblicare in Italia vorrebbe dire assencondare queste “piccole” menti!
    Grazie

    raica

    2 febbraio 2011 at 23:58

    vorrei che gli autori sapessero che, a mio modesto parere, la forma di protesta migliore contro questa ingiusta censura non è decidere di non pubblicare in italiano, ma pubblicare i romanzi servendosi di editori stranieri!!!! così facendo, gli unici ad accorgersi della prortesta sono solo i lettori che, come me, hanno deciso di acquistare il primo romanzo (grazie all’editore olandese che ha reso possibile ciò!!!)e avrebbero tanta voglia di leggere anche i successivi!!!!!così facendo fanno solo un grosso piacere a quanti vorrebbero che tali storie non venisero mai conosciute!in pratica, puniscono solo noi, facendo il gioco di chi monopolizza le nostre menti!

    Gemma

    28 novembre 2010 at 23:58

    Ho appena terminato di leggere Imprimatur e anche io, come i miei amici qui sopra, vorrei avere la possibilità di leggere gli altri romanzi in italiano. Non credo che queste autolimitazioni (se di questo si tratta) facciano bene al popolo italiano, già tanto derubato della capacità di critica e pensiero indipendente.

    Stefano Varone

    9 settembre 2010 at 23:58

    Mi unisco al coro di voci che Vi implorano di pubblicare Secretum e Veritas anche in italiano. Ho amato Imprimatur al punto di diventare sempre più triste man mano che mi avvicinavo alla fine del libro. Ho regalato una copia del libro a tutti i miei amici. Ritengo davvero remoto il rischio di plagio, poichè non basta copiare per diventare geni.

    Alvise

    4 giugno 2010 at 23:58

    Carissimi autori, ho appena terminato la lettura di Imprimatur. E’ il classico libro del quale non vorresti mai vedere la fine. Vi prego di pubblicare anche gli altri volumi in italiano. Ritengo che l’ottusità dei nostri politici (e dei nostri imprenditori) non debba essere pagata dai lettori italiani. Se poi, e qui la questione è diversa, ritenete che le spese di traduzione e stampa non siano compensate dalle vendite in Italia, allora non resta che rammaricarmene e augurarvi buona fortuna!
    Grazie di tutto.

    PAOLO

    13 maggio 2010 at 23:58

    Sono completamente esterefatto perchè non vengono scritti anche in italiano gli altri tomi di Monaldi & Sorti.

    Simone Pellegrini

    13 marzo 2010 at 23:58

    Vogliamo Secretum e Veritas in italiano!!!…non sono pochi “potenti” a dover spaventare la Nazionalità Italiana: chi si senti appartenente al paese deve sentirsi Italiano. Nessuno può decidere cosa si può e cosa non si può leggere. Basta con romanzi spazzatura, che criticano la chiesa ecclesiastica solo per darle più popolarità; vogliamo fatti (come quelli di Monaldi & Sorti) in grado di raccontarci cosa ha fatto veramente di brutto la chiesa!…possibile che non c’è un editore spagnolo in grado di pubblicare in lingua italiana il libro?

    barionu

    4 marzo 2010 at 23:58

    Per il fanclub : il rischio di plagio per Secretum è ancora possibile ?
    Vi assicuro che stampato in Italiano in moltissimi vorrebbero leggerlo.

    zio ot

    patrizia pimpinelli

    18 novembre 2009 at 23:58

    ho letto imprimatur, e scoprendone la sua storia pazzesca in italia sono rimasta di sasso….vorrei aiutarvi…….ho già iniziato il passa parola ad amici e colleghi, trovo assurda la vicenda del libro……..cosa si può fare perchè i libri dei due bravissimi autori siano pubblicati in talia?

    gian maria

    18 luglio 2009 at 23:58

    buonasera, sono venuto a conoscenza solo ora della faccenda (stranamente non mi ero accorto del tutto). ho visto che i libri pubblicati sono ormai 3: ma ad una prima scorsa su internet vedo che è stato pubblicato solo in olandese. ci sono novità per possibili traduzioni in italiano?

    gina

    10 aprile 2008 at 23:58

    vorrei complimentarmi con francesco e rita,per come scrivono e per ciò che stanno dando alla letteratura italiana.Ciao francesco, ti ricordi di me ti sto scrivendo da Roma, sono andata a trovare tuo padre tempo fa e mi ha raccontato che scrivevi libri insieme a tua moglie. spwero di vederti e sntirti presto. Intanto vi mando un grande in bocca al lupo.Baci gina puoi rispondermi ssu questo blog se hai voglia.Io sto facendo il passaparola sui vostri libri!

    Fanclub

    15 ottobre 2007 at 23:58

    Grazie Amedeo!

    Amedeo Ferri

    23 settembre 2007 at 23:58

    Cari amici del fanclub, sorpreso dall’improvvisa scomparsa del mio commento dal sito nelle scorse settimane (ammetto di aver pensato “sta a vedere che anche questi si sono ammalati di censurite”) sono rimasto piacevolissimamente sorpreso dalla vostra richiesta di riscrivere il mio commento, andato perduto tra le onde del web…
    Come avevo preannunciato, la mia campagna di pubblicizzazione del romanzo e dell’odiosa censura che l’ha colpito sta procedendo e incomincia a dare qualche frutto: alcuni amici mi hanno chiesto di procurare loro una copia del volume, cosa che in parte già ho fatto e che continuerò a fare nelle prossime settimane.
    Per quanto riguarda la lettura in classe, mentre lo scorso anno insegnavo a studenti di quinta superiore, quest’anno ho due prime e, oggettivamente con ragazzi di 14-15 anni certi discorsi ancora non si possono affrontare…però sto pensando ad organizzare un conferenza nella scuola dove insegno, oltre che qualche pubblico incontro nella città dove ha sede l’istituto, e di far “coprire” l’evento dalla stampa locale. Se, come e quando riuscirò a dar corpo al mio progetto, vi farò sapere più avanti.
    Per ora ritrasmetto il commento che vi avevo inviato qualche settimana fa. Ancora grazie e a presto.
    Amedeo
    “Per quanto mi riguarda “Imprimatur” è il mio libro dell’anno. Intenso, avvincente, emozionante, scritto davvero molto bene e ricchissimo di precisi e irrefutabili riferimenti storici e culturali relativi alla storia del Seicento italiano ed europeo.
    Ma soprattutto un libro boicottato perché ha osato rivelare le inconfessabili responsabilità politico-diplomatiche di un pontefice che comunque è già Beato!!
    Da oggi per me e per mia moglie, mia entusiasta e impareggiabile compagna nella lettura del ponderoso volume, prende il via un progettino mica da poco: diffondere il più possibile la storia del boicottaggio e la conoscenza del volume, di cui consiglieremo l’acquisto a tutti i nostri amici.
    Io, poi, farò in modo che anche i miei alunni se ne procurino una copia, spiegando loro che il tentativo di condizionare le menti e i liberi intelletti non sia un accidente, ma una costante della nostra storia di paese cattolico.
    Speriamo, infine, che Rita Monaldi e Francesco Sorti tornino prima o poi sulla loro decisione e, così come è stato fatto per “Imprimatur”, anche “Secretum” e “Veritas” vengano dati alle stampe nella nostra lingua”.

    Fanclub

    18 settembre 2007 at 23:58

    Caro professore che avevi lasciato il 31esimo commento,
    purtroppo un nostro malaccorto restore del sito (fatto con un backup vecchio!) ha per errore cancellato il tuo messaggio. Dichiaravi di far leggere Imprimatur in classe ai tuoi alunni. Avremmo voluto contattarti per ringraziarti. Potresti riscrivere qui il tuo commento? Grazie mille e scusaci!

    Elena

    5 febbraio 2007 at 23:58

    05/05/2007
    Vorrei acquistare il libro ma in contrassegno: è possibile? oltretutto se fosse possibile avere anche gli altri due libri di Monaldi & Sorti in lingua italiana sarei molto interessata! Vi ringrazio anticipatamente anche per il lavoro che fate contro il boicottaggio delle varie case editrici! Stamattina invierò un’email a BOL chiedendo come mai non esiste più la possibilità di avere il libro e non accetterò le solite scusanti. Del resto Internet e il passa parola di noi lettori possono comunque fare più danno ad una società di qualsiasi pubblicità….non credete? Buona giornata.

    Luigi Marchese

    5 febbraio 2007 at 23:58

    24/01/2007
    Gentili curatori del Blog, mi piacerebbe davvero acquistare il libro (ho provato disperatamente a cercarlo in decine di librerie in tutta Italia, magari in qualche avanzo di magazzino, senza successo).
    Sarebbe possibile pagare in contrassegno?
    Saresti così gentili da inviarmi ulteriori informazioni circa i pagamenti?
    Vi ringrazio.
    Siete grandi, la cultura non va boicottata!!! Dott. Luigi Marchese

    Marco Mele

    5 febbraio 2007 at 23:58

    18/01/2007
    Salve a tutti.
    Vi scrivo dalla Francia, dove ho scoperto, e amato, dalla prima riga questo libbro splendido. Sono sconvolto dal fatto che non potete leggere questo bellissimo libro in Italia, e neanche il secondo, Secretum. In Francia, si fa molta fatica a trovarli, non sono più stampati. Ho avuto la fortuna di potere legergli prima che spariscano dalle librerie. Adesso, aspetto con ansia il terzo, Veritas, che ho visto già in vendita in Olanda, dal’anno scorso. Purtroppo, non leggo l’olandese, se no, l’avrei già comprato via internet.
    Comunque, se con questa mail posso contribuire un pochino alla vostra lotta, saro fiero e contento di farlo.
    Scusate per il mio italiano, ma sono arrivato da bambino in Francia e dunque non lo scrivo tanto bene.
    In caloroso saluto da parte mia.
    Forza ragazzi, non molate !
    Ciao

    Massimo Galli

    5 febbraio 2007 at 23:58

    Breve storia di un colpo di fortuna….circa tre giorni fa mi trovavo in una libreria di Rapallo (la più grande)e ho visto esposto nello scaffale dei remainders una copia originale di Imprimatur.

    Non solo, oltretutto il volume era in offerta scontato del 50%.

    Ovviamente la copia era unica!!

    Acquistata al volo e letta con grande avidità…..splendido!!

    Stringete i denti e continuate così.

    Massimo

    Paolo

    5 febbraio 2007 at 23:58

    03/01/2007
    Ciao a tutti, ho appena finito di leggere Imprimatur, e non posso che dare il mio favore positivo a chi cerca di portare alla luce un po’ di storia non convenzionale e senza censure. Vorrei sapere se è uscita la versione di Secretum in italiano. Ciao

    Sergio

    5 febbraio 2007 at 23:58

    19/12/2006
    Sono un vostro appassionato lettore,nonchè storico(non di professione),essendo rimasto affascinato dalla lettura di Imprimatur,desidererei sapere se e quando Secretum,(che in uno dei miei frequenti viaggi in Spagna,ho visto già nelle librerie)verrà pubblicato in Italia. Mi dispiacerebbe doverlo comprare all’estero,tradotto,e perdere così un poco del gusto e della ricchezza della lingua da voi usata che restituisce il sapore di un’epoca.Se però non ci sono speranze,mi toccherà comprarlo a Madrid. Non ci sarebbe bisogno di aggiungere,che mi vergogno di vivere in sì disgraziato paese! Vi faccio i complimenti per il vostro lavoro e vi rigrazio se troverete il tempo per rispondermi. sergio

    Fanclub

    12 dicembre 2006 at 23:58

    L’editore olandese ha ripubblicato IMPRIMATUR come simbolico gesto di protesta contro la ridicola e mafiosa miopia degli editori italiani. Ma, per minimizzare il rischio di plagi, SECRETUM non uscirà in italiano finché il boicottaggio non sarà abbattuto. Quando sarà? Monaldi & Sorti dicono “Mai”; noi vogliamo essere più fiduciosi e lottiamo. Prima o poi il bubbone esploderà, e più tempo passa più il botto sarà forte…

    PS:Il cd con le musiche di IMPRIMATUR è possibile acquistarlo solo con una delle edizioni straniere del libro, e l’edizione spagnola, venduta dalla Fnac spagnola (www.fnac.es), è la più facile da avere.

    Hanscastorp

    7 dicembre 2006 at 23:58

    Prima di tutto complimenti per la vostra lodevole impresa e il coraggio di “andare contro” in una situazione di palese censura…. avrei però alcune domande….mi associo alla richiesta di Pigi: Secretum sarà in futuro tradotto in italiano dall’editore olandese? e per avere il CD(senza dover acquistare la copia spagnola di Imprimatur)cosa bisogna fare? ancora grazie per quello che state facendo!!

    Giovanni Picciano

    7 dicembre 2006 at 23:58

    e bello sapere di poter sapere…..non mollate perche sono le gocce d’acqua che a lungo andare logarano la pietra piu dura

    Max

    6 dicembre 2006 at 23:58

    Finalmente! Fantastica iniziativa! sono (ormai) 3 anni che cercavo questo libro… ora capisco il perchè di tutte le difficoltà e di tanta vaghezza… che dire… situazione desolante la nostra! provvederò all’acquisto di Imprimatur ma vorrei avere info sulle modalità di pagamento. grazie di tutto

    Pigi

    4 dicembre 2006 at 23:58

    1/12/06
    ma secretum non è stato tradotto? lo sarà mai? le intenzioni dell’editore olandese quali sono? ma per avere il cd cosa bisogna fare?

    Fanclub

    4 dicembre 2006 at 23:58

    Ce lo chiedono in tantissimi, ma l’edizione italiana, specie la prima, è ormai una rarità da collezione degna di essere battuta all’asta. Così si è scatenata una specie di caccia al tesoro. C’è anche chi se la rivende a cifre folli.

    Giuseppe Scova

    4 dicembre 2006 at 23:58

    2/12/06
    Conosco la storia del libro da poco e, per la maggiore, tramite il vostro sito.
    Abito in provincia di Pavia ed il mio hobby sono i libri su argomenti strani e curiosi. Ho già provveduto l’acquisto del libro edito in Olanda ma, per amore di collezionista, mi piacerebbe acquistare una copia dell’edizione italiana, non è che potreste aiutarmi?
    Nell’attesa di riscontro vi saluto e mi complimento per l’ottimo sito.
    Giuseppe

    Mariano

    29 novembre 2006 at 23:58

    5/10/06
    Salve ragazzi,
    mi ha molto incuriosito la vostra sponsorizzazione di Imprimatur che ne ho ordinato subito una copia. E’ bello sapere che un libro anche se non è Dan Brown può avere uguale rilevanza. Io sono uno scrittore, o almeno ci provo, ho pubblicato «Maschere di Cartapesta» nel settembre del 2005 per una casa editrice di Milano, GruppoEdicom, e piacerebbe anche a me, credo mi renderebbe orgoglioso se facessero tutto questo per me. Parlo naturalmente come autore, e così per incoraggiare le vendite e la sponsorizzazione di questo libro nel mio piccolo farò del mio meglio. Grazie. Cordiali Saluti Mariano Cervone

    Michele

    29 novembre 2006 at 23:58

    5/10/06
    Vi ringrazio per questa bella notizia! Cercavo da un po’ il libro…e ora ho capito perché non lo trovavo!!!

    Ludovico

    29 novembre 2006 at 23:58

    5/10/06
    Cari imprimatur fanclub, ho avuto modo di leggere il vostro libro culto nel 2003 (edizione mondadori in formato economico) e l’ho molto apprezzato. Più che altro mi preme avere notizie relative a un altro romanzo di Monaldi e Sorti, sarebbe uscito nel 2004 in giro per l’Europa ma qui da noi non si sa nulla. Ero curioso di sapere se esiste anche la minima possibilità che venga presto pubblicato in Italia. Esattamente come imprimatur, anche questo nuovo testo dovrebbe contenere verità che la storia ufficiale ha occultato. Altro purtroppo non ricordo. Un po’ ingarbugliato, lo ammetto, ma se mi deste una mano…. Grazie per l’attenzione, Ludovico

    Agnese Palma

    29 novembre 2006 at 23:58

    5/10/06
    Sono andata a curiosare su questo libro, che acquisterò. Purtroppo l’Italia è ancora uno stato clericale, e sta peggiorando negli ultimi anni. Ciao. Agnese

    Leon Kooijker

    29 novembre 2006 at 23:58

    2/10/06
    Grazie per la vostra risposta su l’email. Vedremo presto allora le interviste nei giornali Olandesi. L’ultima volta con SECRETUM i media qui erano molto positivi sul libro. Vi voglio augurare buona fortuna.
    Non riesco a spettare che uscira’ VERITAS qui in Olanda! Spero anche che VERITAS diventera un gran successo e che sempre piu’ gente leggera la vostra ricerca alla verita! Cordiali saluti, Leon Kooijker

    Leon Kooijker

    29 novembre 2006 at 23:58

    2-10-06
    Salve, vorrei sapere se gli autori vengono anche stavolta in Olanda per presentare il nuovo libro ‘Veritas’ che viene publicato domani (3-10-2006)?

    Un saluto sincero dal’Olanda,

    Leon Kooijker

    mgianello

    29 novembre 2006 at 23:58

    6/10/06
    Bene…ora mi attiverò per trovare questo fantomatico libro. A presto…

    Gennaro

    29 novembre 2006 at 23:58

    25/10/06
    Salve.
    Premetto che sono già in possesso di una copia di Imprimatur (trovata in edizione Best Sellers).

    Mi chiedevo se l’edizione olandese comprenda il cd (nel qual caso la acquisterei volentieri).

    Sarei inoltre interessato a leggere il secondo titolo in italiano.

    Cordiali saluti

    Gennaro

    Susanna

    29 novembre 2006 at 23:58

    Io questa estate sono riuscita a trovare due copie di Imprimatur in una bancarella a Ostia; e circa un anno e mezzo fa ne ho trovata un’altra da un rivenditore online (labancarella di Genova) che dopo il mio acquisto non aveva più copie disponibili.
    Sono a vostra disposizione.
    In bocca al lupo,

    Susanna

    Fabrizio Fortuna

    29 novembre 2006 at 23:58

    Interessantissimo. Già fatto girare tra i miei conoscenti.

    Nicola Gardin

    29 novembre 2006 at 23:58

    18/10/06
    Egregi signori, scrivo dalla Svizzera, quando e come sara’ possibile comperare “Secretum” in italiano?

    Vi ringrazio, cordiali saluti

    nicola gardin

    difirenze

    29 novembre 2006 at 23:58

    5/10/06
    Grazie. Cercherò di trovare il libro e saperne di più… leggerò con cura
    il vostro blog….
    se avete nuove notizie…

    Hans-Peter Lassche

    29 novembre 2006 at 23:58

    23/10/06
    I am a big fan of yours from Holland. At the moment I am reading Veritas with much pleasure. Unfortunately I do not speak or read Italian (if I try really hard I can decipher the gest if it). Therefore I hope you will translate more of your website in English.
    Yours truly,
    Hans-Peter Lassche

    Paolo Federici

    29 novembre 2006 at 23:58

    cari ragazzi

    grazie per avermi scritto!
    Poichè io leggo tranquillamente sia l’inglese che il francese e lo spagnolo … ho provato a cercare il libro in queste lingue e sono rimasto sorpreso trovandolo anche in ungherese e turco (almeno, credo!)
    E poi ho potuto accertare che quello che dite … è proprio vero!
    Mondadori l’ha stampato nel 2002 … ma NON si trova più, da nessuna parte, nemmeno su IBS.
    Questa è una storia per FAHRENEIT!

    salutoni
    Paolo Federici

    pgiuliacci

    29 novembre 2006 at 23:58

    13/11/06
    Ho letto con molto interesse la vostra mail,
    appena possibile comprerò il libro, che dalle
    descrizioni giudico veramente interessante.
    Questo è l’ennesimo caso di censura da parte dei poteri
    forti, pensare che un’opera di tale calibro sia
    confinata al di fuori del nostro paese e conosciuta
    in traduzione, mentre l’originale rimane sconosciuto
    dev’essere davvero frustrante sia per chi ama la letteratura,
    sia per gli autori. Consiglio comunque di diffondere
    un video in rete in cui questo caso venga raccontato,
    credo avreste una diffusione molto più ampia e rapida…
    I programmi di file sharing fanno veramente miracoli!!
    Ci sono dei siti che hanno diffuso documentari e video
    censurati dalla rai durante la precedente legislatura
    (ma dubito che sotto la sinistra si avrebbe avuto un risultato differente).

    Saluti e tenetemi aggiornato

    Amedeo

    29 novembre 2006 at 23:58

    10/11/06
    Capperi ragazzi! Certo che vi voglio aiutare!!!
    Sono un uomo di destra, sono un berlusconiano (!), ma ciò non mi impedisce di cercare sempre e comunque la verità, anche se è un compito proibitivo. Io insegno storia e italiano e la mail del gruppo “attomelani” mi riempie di soddisfazione. Nel mio piccolo cercherò di essere vicino all’iniziativa antiboicottaggio, così come provvederò ad acquistare non solo “Imprimatur”, ma tutte le successive pubblicazioni della saga del duo Monaldi-Sorti. Come dicevo, sono un insegnante e purtroppo le mie risorse sono assai limitate: questo mese ho già dato fondo allo stanziamento mensile per l’acquisto di libri, ma potete essere certi che il 30 novembre farò partire il mio ordine: sarà un Natale di piacevoli letture, quello di quest’anno!!! Ringraziandovi ancora una volta per avermi coinvolto nella vostra iniziativa, permettetemi di inviare a tutti voi i miei migliori saluti.
    Amedeo Ferri

    Angela

    29 novembre 2006 at 23:58

    11/11/06
    Non sono stupita di quello che è capitato ai due autori. Grossi autori.

    Succede tutti i giorni anche ai piccoli autori, quando romanzando notizie vere, vanno a ledere interessi particolari. Ovviamente la “Santa Sede” e un suo amico e seguace che si è già costruito in villa un monumento funerario, fanno notizia.

    Nel mio piccolo ho cercato di avvicinare editori per un giallo che potete trovare sul mio sito postato a puntate, io ho leso l’onore dell'”Alma Mater”. Gli editori contattati che hanno letto il testo breve, 100 cartelle, mi hanno risposto nell’ordine:

    – Molto buono, ma siamo già legati con un contratto con un giallista notissimo e non possiamo inserire nuovi giallisti nella nostra produzione, Auguri per un nuovo editore che senz’altro troverà

    – Molto buono, ma mi creda si leggono gialli un po’ forti ora, potrebbe inserire qualche pagina

    “porno”? le assicuruiamo la pubblicazione e la pubblicità adeguata

    – Normalmente non pubblichiamo gialli, ma il tema è interessante, lei con quale cifra pensa di partecipare alle spese di produzione?

    ….

    Avevo un sito in cui io ed amici pubblichiamo un po’ di tutto e quindi l’ho inserito in web-parole. it ed altri miei futuri “vaneggiamenti” stanno seguendo la stessa sorte.

    Ero per il passato abituata a ricevere diritti d’autore per libri di tipo scientifico, ora che mi sono ritirata dalla docenza e scrivo altre cose, gli editori non mi pagano diritti perchè annualmente inferiori a 50 euro, ma non riesco a capire perchè inseriscano ancora i testi nella loro pubblicità…mistero…

    Scusate la lunga lettera di una persona che secondo Eco ed altri inserisce in internet sola “spazzatura” (vedi rubrica Bustina di Minerva dell’Espresso di settembre, dove il collega universitario dice che se un poeta è un buon poeta riesce a trovare l’editore e a vendere anche 10.000 copie all’anno).

    Angela Bonora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *